11 Dicembre 2018

la storia
percorso: Home > Chi siamo

La nostra storia

E´ domenica 22 settembre 1957 e al cinema teatro Odeon gentilmente messo a disposizione dal signor Lando Civilini, ha luogo una conferenza sull´importanza del dono del sangue. Il prof. Aldo Agostinelli, in rappresentanza del Consiglio direttivo dell´AVIS di Livorno, racconta un episodio di guerra in cui egli, ferito gravemente, ha salva la vita per la donazione di sangue di un ufficiale neozelandese.

Da quel momento inizia a donare lui stesso e comincia a diffondere il messaggio dell´Avis, invitando i cittadini di Piombino a comprendere l´importanza sociale della solidarietà avisina.

Nei locali della Pubblica Assistenza, alla presenza di Ferruccio Benci (presidente), Roberto Austeri (commissario straordinario) e del dottor Bensi (direttore tecnico), viene fondata l´AVIS Comunale di Piombino.
Il 29 settembre 1957 si svolge la prima assemblea di donatori.

Il 4 maggio 1958 si vota il primo Consiglio Direttivo e vengono nominati:
- Mauro Vieri (segretario amministrativo)
- Pindaro Tessieri (segretario)
- Fine Ghiandi Tabani (consigliere)
- Gianfranco Bianchetti (consigliere)
- Rino Belli (sindaco revisore)
- Gino Matteini (sindaco revisore)
- Aldo Gabellieri (sindaco revisore)
- Bruno Moretti (sindaco revisore)
- Bruno Nannini (sindaco revisore)
- Bernardino Sclavi (Probi Viro)
- Mario Soffredini (Probi Viro)
- Carmela Vieri (Probi Viro)
A questi pionieri va la gratitudine di tutti coloro che credono nella solidarietà e la vivono quotidianamente.

Il presidente dottor Cannata (direttore dell´Ospedale di Villamarina), autorevole figura di medico, dotato di un particolare carisma per la sua professionalità e il suo energico, severo, ma nello stesso tempo ricco di umanità, sceglie come diretto collaboratore e direttore tecnico dell´AVIS, il giovane medico anestesista Sergio Andreucci, esperto nel campo trasfusionale in quanto responsabile del servizio dell’Ospedale. Andreucci diventerà il “professore” di tutti i donatori e sarà il vero garante della loro salute.

Insieme ai collaboratori del dottor Cannata, spicca Roberto Austeri che promuove iniziative per coinvolgere la cittadinanza. Una tra le tante è la prima Festa dell’ AVIS che vede come protagonista un’autoemoteca che rimane in esposizione per raccogliere il sangue in piazza Gramsci, suscitando l’interesse e la curiosità dei cittadini.

In soli 3 anni dalla fondazione, sono state effettuate 187 donazioni per un totale di 68.500 cc di sangue.
I donatori erano circa 200. Il merito di questa velocissima affermazione va ai donatori, che diffusero il messaggio dell’AVIS all’interno delle fabbriche e tra le proprie conoscenze.


Realizzazione siti web www.sitoper.it
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata